martedì 24 luglio 2012

GILDEN PRISON





What if I never kiss your lips 
Or feel the touch of your sweet embrace 
How would I ever go on 
Without you there's no place to belong

So I'll just have to believe 
somewhere out there you thinking of me

Music&poetry
gilded prison for wings
who can't to fly any more

(M)






lunedì 16 luglio 2012

VERGOGNA



David Hamilton

Era un inverno settentrionale
la soffitta odorava di muffa

e la musica metteva allegria.

Pioveva sull'abbaino una pioggia grigia,
la guardavo picchiettare sul vetro
un ritmo accusatorio.
Chiamava ansimo e tentazione  

quella mano che tremava inesperta
sul seno adolescente.
La stanza si riempiva d'acerbo

ridevamo d'imbarazzo ed eccitazione,

occhi chiusi per nasconderci 
dall'unico bacio sulle labbra rosse
del rossetto rubato a mia madre,
e le scale scese due gradini alla volta
prima di fuggire e pedalare
con fiato bianco sulle guance tese.
Le strade schizzavano fango
sulle caviglie pallide di vergogna.

*Lucrezia non è qui*

18 Ottobre 2010





venerdì 6 luglio 2012

LA CAREZZA




thomas ehretsmann 

La musica che hai lasciato qui 
come vento a pelo d'acqua si diffonde 
increspando la mia pelle 
e il desiderio di te non s'assopisce, 
non conosce sonno solo un'illusione 
di concerto nell'aria 
che acre riempe la stanza d'attesa e fumo.
Micol

... my angel



Mattino senza limite di tenerezza





[...] E resta orfano
e muto lo spazio -
come una vuota torre bianca
dove sono nebbia e silenzio. 

Mattino, senza limite di tenerezza -
Metà realtà e metà sogno,
deliquio insoddisfatto,
suono vago di pensieri.


Osip Mandel’stam


E tutta la mia anima è nelle campane ma la musica non salva dall'abisso




Sento una paura invincibile
in presenza dell'altezza misteriosa;
io sono soddisfatto della rondine nei cieli
e amo il volo delle campane!
E, sembra, antico pedone,
che sopra l'abisso, sui ponti che si curvano,
ascolto come cresce una palla di neve
e l'eternità batte sulle ore di pietra.
Se così fosse! Ma io non sono
quel viandante che passa rapido sulle foglie sbiadite
e veramente in me canta la tristezza.
In realtà, la valanga è sulle montagne!
E tutta la mia anima è nelle campane
ma la musica non salva dall'abisso!

Osip Mandel’štam

ringraziamenti: http://ggalleryslo.blogspot.it/2012/06/istvan-etienne-sandorfi.html

martedì 3 luglio 2012

Il giardino delle nostalgie: LIQUIDO (FA MALE)

Il giardino delle nostalgie: LIQUIDO (FA MALE):


Liquid  42x56, oil on linen, 2006 Alyssa Monks      


      Non so inventarmi un'altra scusa   
                                              la bocca dello stomaco fa male
                                              nel nome di quella tristezza 
                                              (che non posso pronunciare)

                                                                 Il dolore mi trascina verso il fondo infine
                                                                 sopportando la pressione spingere sui timpani 
                                                                 catturando sibili sottomarini con ami gettati 
                                                                 da pensieri che flettono a capo chino.
                                                                 

                                               Non so reinventare un altro respiro
                                               ho dimenticato  come farlo danzare 
                                                                 tra i miei seni

                                                                 
                                                                e  la gola si chiude da far male
                                                                soffocando ogni lamento.

                                             Annego nel torbido silenzio tuo, liquido.


Micol       


                                    

Il giardino delle nostalgie: PIU' DEL SESSO ED ALTRO AMORE

Il giardino delle nostalgie: PIU' DEL SESSO ED ALTRO AMORE:




Quel giorno che arrivasti con l'aria spavalda dei tuoi giovani anni
e lo sguardo pieno delle cose di tutti i mondi che avevi ingurgitato
m'innamorai e non fu più lo stesso dall'ora la dannazione
s'impossessò di me più del sesso e d'altro amore.

Micol





Il giardino delle nostalgie: PROFUMO

Il giardino delle nostalgie: PROFUMO:


Hellovon 





Evoca sui polsi
la voce dei mattini
il respiro tuo 
lasciatomi inghiottire,
noi languide gole, nastri 
che non s'annodarono
e desiderare ora
di strapparmi la pelle.


Micol